1q84

Numero di pagine: 722

Data di pubblicazione: 2011

Genere:  Romanzo


Aomame è spietata e fragile. È un killer che, in minigonna e tacchi a spillo, con una tecnica micidiale e impalpabile, vendica tutte le donne che subiscono una violenza. Tengo è un ghostwriter che deve riscrivere un libro inquietante e pericoloso come una profezia. Entrambi si giocano la vita in una storia che sembra destinata a farli incontrare. Ma quando Aomame, sollevando gli occhi al cielo, vede sorgere una seconda luna, capisce che non potranno condividere neppure la stessa realtà.



“Avvertì un forte tumulto interiore [...] Era come se qualcosa si fosse insinuato attraverso una piccola fessura e tentasse di riempire un vuoto che c'era dentro di lui da un tempo incalcolabile. Lei vi aveva proiettato sopra una luce speciale, illuminandolo”.

 

Un libro che catapulta il lettore in un anno diverso, 1q84, sospeso tra fantasia e realtà. Fantasia e realtà che mano a mano finiscono per fondersi, il tutto incorniciato da un'atmosfera onirica e dal destino di due protagonisti che si appartengono, ma che non riescono ad incontrarsi. Quasi sfuggenti. Incanta il fatto che, pagina dopo pagina i due protagonisti si scoprono legati e le loro storie si uniscono perfettamente, come le tessere di un puzzle. È con gli autori giapponesi che mi capita di leggere le cose più fantasiose e surreali. Riescono ad avvicinarti piano piano, con immagini affascinanti, con parole sospese fra la realtà e qualcosa che realtà non è ma che diventa pian piano un mondo del tutto plausibile, seppur magico. E, prima che te ne accorgi, quel mondo è intorno a te, lo accetti e ne vivi le emozioni.

 



Hai letto questo libro anche tu?

Cosa ne pensi? Lascia una tua recensione, un tuo commento qua sotto! :)

Commenti: 0