IL PIATTO DELL'ANGELO

Numero di pagine: 136

Data di pubblicazione: 2013

Genere:  Romanzo


In questo romanzo Laura Pariani racconta le partenze, le separazioni, gli abbandoni che hanno segnato la vita di tante famiglie italiane un secolo fa e che oggi segnano nello stesso modo chi compie il medesimo viaggio a ritroso costretto da ragioni di sopravvivenza. Storie di mariti, fidanzati, figli che partono per l'Argentina, sperando di fare fortuna. Storie di donne venute in Italia da paesi del sud America in cerca di un lavoro qualsiasi per mantenere la famiglia. Li accomuna il sentimento della lontananza, il vuoto che non può essere colmato da nessun surrogato familiare.

Però il titolo stesso “Il piatto dell'angelo” allude ad una tradizione per cui nei giorni di festa i protagonisti aggiungevano un posto a tavola per chi era lontano, conservando così vivo uno spiraglio di speranza.



 “Ieri, emigravano dall'Italia in Merica. Centinaia di migliaia, milioni..... ci fu chi se ne andò per la fame sgagnosa che tormentava le viscere. A convincere migliaia di contadini miserabili furono i discorsi sbarluscenti degli agenti di emigrazione che alla domenica arrivavano col loro biroccino all'uscita della messa granda....Gente, volete o no riempirvi le saccocce di palanche? Sproloquiavano gli agenti. Vi aspetta la Merica dove ciascuno ha da mangiare ogni santo dì”

“Oggi, emigrano in Italia soprattutto le donne...vengono in Italia con un viaggio aereo che spesso dura anche due o tre giorni, perché piu' il percorso è frammentato da soste, meno costa il biglietto. Le spinge il bisogno”

  

 

Personalmente ho apprezzato non solo la tecnica narrativa della scrittrice nell'alternare, contrapporre e accomunare i vissuti di tanta povera gente, ma anche la profondità con cui ne ha rappresentato gli stati d'animo, fornendo un'occasione per non dimenticare quanti sacrifici sono stati fatti nel passato e quanti se ne fanno ancora nel presente.



Hai letto questo libro anche tu?

Cosa ne pensi? Lascia una tua recensione, un tuo commento qua sotto! :)

Commenti: 0