LA SONATA A KREUTZER

Numero di pagine: 148

Data di pubblicazione: 1889

Genere: Romanzo


Un uomo di nome Pozdnysev durante un viaggio in treno confessa a uno sconosciuto la propria colpa segreta. Ricorda di aver presentato alla moglie un avventuriero, gran seduttore e abile musicista, dando così inizio a un gioco che si rivelerà tragicamente beffardo. Via via sempre più sospettoso una sera, mentre la coppia esegue in perfetta sintonia la Sonata a Kreutzer di Beethoven, Pozdnysev accantona ogni dubbio. Spinto dalla gelosia uccide la moglie per un tradimento in realtà mai avvenuto e senza rendersi conto del terribile malinteso.



 “Ah, come ricordo tutti i particolari di quella serata: ricordo come lui portò il violino, strofinò la custodia, tolse la fodera ricamatagli da una signora, trasse fuori lo strumento e cominciò ad accordarlo. Ricordo come mia moglie si sedette con un’aria fintamente indifferente, sotto la quale vedevo che nascondeva una grande timidezza, timidezza soprattutto di fronte alla propria capacità, si sedette al pianoforte, e cominciarono i soliti arpeggiamenti sul pianoforte, il pizzicato del violino, il collocamento della musica. Ricordo poi come si guardarono tra loro, e cominciò. Lui prese i primi accordi. Gli era venuto un viso serio, severo, simpatico, e con dita attente pizzicò le corde. Il pianoforte gli rispose. E cominciò.”

 

  

Non ricordo più quando lessi questo libro se me l’avesse consigliato qualcuno; se così fosse vorrei ringraziarlo, perché è certamente capitato in un periodo della vita dove di riflessioni “filosofiche” se ne fanno ancora molte e in particolare ritrovo in questo libro tante considerazioni sulla situazione delle donne che ancora oggi sono attuali. E poi la descrizione della potenza della musica, che immediatamente ti fa venire voglia di andare a cercare il brano, ascoltarlo e immedesimarti nella straordinaria complicità che la musica è in grado di creare tra due persone…



Hai letto questo libro anche tu?

Cosa ne pensi? Lascia una tua recensione, un tuo commento qua sotto! :)

Commenti: 0