ero cattivo

Autore: Antonio Ferrara

Numero di pagine: 216

Data di pubblicazione: 2016

Temi: Educazione, difficoltà familiari, interazione tra pari, amicizia, crescita


Angelo, ragazzino cinico e violento appena uscito da una brutta storia, deve trascorrere un periodo di recupero in una comunita' di campagna, sotto la tutela di padre Costantino, e in compagnia di altri ragazzi. Padre Costantino e' sicuro delle possibilita' di recupero di queste persone, perche' crede ciecamente nel Bene. E' importante pero' che queste persone abbiano un obiettivo. Quello di Angelo, da lui stesso scelto per provocazione, sara' di prendersi cura di un cane. Ma il Male irrompe nel piccolo gruppo sotto molteplici forme, talora violente e drammatiche, talora comiche, talora poetiche, talora metaforiche: come i morsi di un cane, il vizio del bere, i furti, la morte. Angelo e' profondamente irritato da questo prete cosi' ciecamente buono e ottusamente altruista. Eppure non e' cosi' sciocco da non vedere come l'atteggiamento di padre Costantino alla lunga abbia un'influenza positiva su tutte le persone che gli stanno intorno. Eta' di lettura: da 12 anni.

 

 



Questo libro racconta di una crescita personale molto difficile, quella di Angelo, che di facile nel suo percorso non ha avuto proprio nulla. Sarà il sentirsi davvero amato, sarà incontrare persone che davvero credono in lui, a dargli la forza di prendere in mano la sua vita e di migliorarla. A fare la differenza sarà l'incontro con padre Costantino, che svolge il ruolo di quell'adulto amorevole e autorevole che nella vita del ragazzo manca. 

Sarà la vita di comunità a far comprendere ad Angelo che se “si nasce cattivi” non vuol dire che non si possa cambiare e diventare buoni...il destino non è segnato, con impegno e determinazione si può realizzare la propria “missione”. Come direbbe padre Costantino ”gli ultimi saranno i  primi”



Hai letto questo libro anche tu?

Cosa ne pensi? Lascia una tua recensione, un tuo commento qua sotto! :)

Commenti: 0