noi siamo infinito

Autore: Stephen Chbosky

Numero di pagine: 272

Data di pubblicazione: 1999

Temi: Adolescenza, Amore, Omosessualità, Lutto


Fra un tema su Kerouac e uno sul "Giovane Holden", tra una citazione da "L'attimo fuggente" e una canzone degli Smiths, scorrono i giorni di un adolescente per niente ordinario. L'ingresso nelle scuole superiori lo lancia in un vortice di prime volte: la prima festa, la prima rissa, il primo amore - per la bellissima ragazza con gli occhi verdi che quando lo guarda fa tremare il mondo. Il primo bacio, e lei gli dice: per te sono troppo grande, pero' possiamo essere amici. Per compensare, Charlie trova una che non gli piace e parla troppo: a sedici anni fa il primo sesso, e non sa neanche perché. Allora lui, più portato alla riflessione che all'azione, affida emozioni, trasgressioni e turbamenti a una lunga serie di lettere indirizzate a un amico, al quale racconta ciò che vive, che sente, che ha intorno. Dotato di un'innata gentilezza d'animo e di un dono speciale per la poesia, il ragazzo e' il confidente perfetto di tutti, quello che non dimentica mai un compleanno, quello che non tradisce mai e poi mai un segreto. Peccato che quello più' grande, fosco e lontano, sia nascosto proprio dentro di lui.

 



Perché la scrittura è pura e emozionante, perché è ricco di temi importantissimi, soprattutto per un adolescente. Perché Charlie è irresistibilmente unico e gli vuoi bene sin dalle prime righe. Con lui rivivi tutte le prime volte: il primo giorno di scuola, il primo amore, il primo bacio, la prima rissa, la prima vera consapevolezza di quanto ciò che più davvero conta nella vita è amare e essere amati (in qualsiasi forma questo amore si manifesti). 

E' stata creata anche una trasposizione cinematografica omonima nel 2012 e il regista è l'autore stesso.


trailer del film



Hai letto questo libro anche tu?

Cosa ne pensi? Lascia una tua recensione, un tuo commento qua sotto! :)

Commenti: 0